FANDOM

2,054,169 Pages

StarIconGreen
LangIcon
La Java Rossa

This song is by Milva and appears on the album Milva (1965).

Sazia d'hotel, di tabarin, di cabaret,
la bella dama volle trascinar con sé
la brigata dei suoi nobili corteggiator
in un bar musette di gigolettes e malfattor.

Nella più losca e abominevole gargote,
tra i fior del male e i cavalieri della notte,
la comitiva entrò, lei sola non tremò,
una java incominciava e un'apache l'invitò.

"Questa è la java rossa, ch'è tutta una trama d'amore e di morte,
la tua sorte, bella dama, tu la danzi con me.
Non senti ad ogni mossa che il giuoco è mortale?
Tu troppo mi piaci! O i tuoi baci o un pugnale, altro scampo non v'è!"

Così le sussurrò l'apache, danzando,
ella s'abbandonò: "M'avrai!" "E quando?"
"Quando vuoi tu, padrone mio..."

Dopo una notte di frenetica follia,
ella scomparve e in lui restò tal bramosia,
che la volle riavere, la cercò, la trovò,
ma ella finse non conoscerlo e altera passò,

L'apache furente in un agguato la ghermì,
ella tentando di sfuggirgli lo blandì.
Astuzia vana fu, ei la portò laggiù:
"Mia signora un ballo ancora e poi, giuro, mai più..."

"Senti, è la java rossa, che è tutta una trama di tragica sorte,
la tua morte, bella dama, l'hai voluta danzar!"
Ei, con fulminea mossa, piantò la sua lama nel cuor della dama;
poi la volle, come folle, sulla bocca baciar.

"Occhio! la polizia!", qualcuno gridò.
Tutti fuggiron via, lui solo restò.
"Sei stato tu?" "Son stato io!"

"Madama ghigliottina,
un'ultima java m'invita a danzar...
a più tardi, mia damina: possiamo andar!"

External links

Community content is available under Copyright unless otherwise noted.